CASO ARMADA – UFO IN CILE | Omega Click

Omega Click – 01/05/23

Giovedì 5 Gennaio 2023, dopo aver compilato una richiesta formale di accesso agli atti al governo del Cile un mese prima, mi sono stati rilasciati documenti UFO inediti, mai stati rilasciati prima in merito ad un avvistamento UFO/UAP ripreso dall’aeronautica cilena. Il caso è stato soprannominato dai funzionari governativi come “CASO ARMADA”. Ho condiviso in video anche gli screen delle mail che mi condivisero i file.

Il rilascio in questione con tutta la documentazione annessa direttamente dal dipartimento di fotogrammetria dell’aeronautica del Cile è stato pubblicato sul più famoso archivio FOIA del mondo, The Black Vault. Le conclusioni degli esperti in merito al video in questione scartano ogni tipo di ipotesi convenzionale.

Il rilascio governativo gentilmente concesso dall’Aviazione del Cile include missive interne fra i membri del DGAC e alcuni documenti sono scritti dal Generale Ricardo Bermudez in persona, direttore del SEFAA (Sección de estudios de fenómenos aéreos anómalos) che conferma e organizza INCONTRI SEGRETI da parte di un comitato appositamente creato per studiare il caso UFO.

Una lettera riporta anche una trascrizione dell’operatore a bordo dell’elicottero che utilizzò la telecamera FLIR per riprendere l’oggetto. Mi sono stati condivisi i track del volo dell’elicottero (Airbus Cougar AS-532) i dati meteorologici e le analisi del Dipartimento di Fotogrammetria dell’Aeronautica Cilena. Nel rapporto meteorologico si scrive nero su bianco “è escluso un fenomeno meteorologico” .

In un PDF in mio possesso e presentato nel mio ultimo video, il Dipartimento di Fotogrammetria dimostra dati alla mano che l’oggetto ha una struttura, esiste nelle tre dimensioni e che ha riflesso la luce. Alberto Vergara (direttore) commenta alla fine del PDF scrivendo “Finalmente si può concludere che l’oggetto presenta tutte le caratteristiche per essere classificato come un fenomeno aereo non identificato”

Fermo immagine del video FLIR ripreso con una telecamera FLIR HD WESCAM dai piloti della Marina del Cile nel 2014

Alcuni documenti presentano analisi forensi fatte da consulenti esterni, come il pdf redatto da Mario Avila, fisico nucleare e consulente scientifico del SEFAA che dopo svariate analisi in merito alla luminosità dell’oggetto ha concluso che si tratta di una sorta di UFO mutaforma composto da due sfere rotanti. I documenti presenti nel rilascio includono lettere dove si presenta il caso ai funzionari governativi e altri documenti MOLTO interessanti che aiutano a chiarire la natura apparentemente NON IDENTIFICATA dell’oggetto ripreso dalla Marina del Cile.

L’11 novembre 2014, un elicottero della Marina cilena, un Airbus Cougar AS-532 era impegnato in una missione di pattugliamento diurno di routine volando verso nord lungo la costa, ad ovest di Santiago. A bordo c’era il pilota, un Capitano della Marina con molti anni di esperienza di volo e un tecnico della Marina che stava testando una termocamera a infrarossi FLIR, videocamera militare spesso utilizzata per operazioni segrete di intelligence a media quota, dispositivo di sorveglianza e ricognizione, che in questa occasione, ha ripreso un UAP.

L’aereo stava volando a un’altitudine di circa 4.500 piedi in un pomeriggio limpido con visibilità orizzontale illimitata e un temperatura dell’aria di circa 10 C. L’elicottero della Marina cilena stava volando a circa 240 chilometri all’ora quando qualcosa di insolito è stato rilevato dalla telecamera FLIR dell’aeronautica cilena. Il video in questione circola da anni su internet e spesso è stato considerato come un atterraggio di un aereo di linea (conclusione che il governo cileno ritiene assurda) una volta affrontato il caso, ho contattato la mail sul sito della SEFAA che mi ha risposto dandomi tutte le informazioni per formulare una formale richiesta di accesso agli atti. Circa 30 giorni dopo ho ricevuto il materiale rilasciato da una posta governativa del DGAC che mi ha condiviso un drive che mi sono impegnato a rendere di dominio pubblico tramite il mio canale YouTube e che vi metto a completa disposizione, scaricabile.

Ci sono lettere interne, moduli (del pilota e dell’ufficiale che ha utilizzato la termocamera FLIR) informazioni accessorie (con tutte le analisi fatte da consulenti esterni), la traccia di volo e il video ad alta risoluzione che fino a questo momento non era mai stato rilasciato da un ente ufficiale. Inutile dire che in Italia, (a parte gli amici dello zoo di 105 che mi hanno dato visibilità ospitandomi in radio) la notizia non ha ricevuto la minima attenzione dai media nazionali che anzi, hanno deciso di dare spazio a fesserie impresentabili come avvistamenti non confermati e altro.

Il comunicato governativo gentilmente concesso dall’Aeronautica Militare del Cile include lettere interne tra membri della DGAC (Direzione Generale dell’Aviazione Civile) e alcune lettere sono scritte dallo stesso Generale Ricardo Bermudez, direttore della SEFAA (Sección de estudios de fenómenos aéreos anómalos – Anomalous Sezione Studi sui Fenomeni Aerei del Governo del Cile) che conferma e organizza INCONTRI SEGRETI da parte di un comitato creato appositamente per studiare il caso UFO. Una lettera include anche una trascrizione dell’operatore dell’elicottero che ha utilizzato la videocamera FLIR MX HD WESCAM per filmare l’oggetto. Mi sono state condivise le tracce di volo dell’elicottero (Airbus Cougar AS-532) i dati meteorologici e l’analisi del Dipartimento di Fotogrammetria dell’Aeronautica Militare Cilena. Il dossier del GEIPAN francese che è corso ad aiutare il SEFAA a studiare il fenomeno (ha concluso in modo molto inopportuno che il fenomeno era PROBABILMENTE dovuto ad un aereo in atterraggio) Non che tutta una serie di documenti accessori. Nel bollettino meteorologico viene scritto nero su bianco

“è escluso un fenomeno meteorologico” Nel bollettino del dipartimento di fotogrammetria dell’aeronautica viene scritto che “non è un uccello. Non è un deltaplano. Non è un aeroplano. Non è un insetto volante. Non è un velivolo senza pilota. Non è un paracadute, l’oggetto ha il controllo dei suoi movimenti, si osservi che ha un volume, e non viene minimamente disturbato dal vento, l’oggetto riflette la luce, emette un certo tipo di energia”

In un PDF in mio possesso e presentato nel mio ultimo video dove traduco documento per documento, il Dipartimento di Fotogrammetria dimostra dati alla mano che l’oggetto ha una struttura, esiste in tre dimensioni e che ha riflesso la luce.

Il file GEIPAN dimostra anche che l’oggetto viaggiava quasi alla stessa velocità dell’elicottero che lo ha filmato, circa 240 chilometri all’ora. Alberto Vergara (direttore) commenta alla fine del PDF scrivendo “Finalmente si può concludere che l’oggetto ha tutte le caratteristiche per essere classificato come fenomeno aereo non identificato”.

Per visionare il video completo in alta risoluzione dell’avvistamento guardate i miei due video sul canale.

SEGUIMI SUI SOCIAL PER RIMANERE AGGIORNATO

Clicca su una stella per votare

Voto medio 5 / 5. Totale voti: 19

Nessun voto. Vota questo articolo.

Omega Click Newsletter

Omega Click

Iscriviti per ricevere le notifiche dei nuovi articoli direttamente nella tua casella di posta.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto