Il documento del Pentagono parla di UFO invisibili all’occhio umano capaci di operare sott’acqua senza essere rilevati

Omega Click 11/07/2023

La Marina ha un mistero sconcertante fra le mani. Per diverse settimane nel 2019 oggetti sconosciuti hanno letteralmente inseguito e molestato le navi da guerra statunitensi al largo della costa della California meridionale, bizzarri incontri che rimangono tuttora irrisolti. Gli incidenti si sono verificati in un’area con una larga storia di avvistamenti UFO, parliamo delle Channel Island, ossia, un arcipelago di otto isole situato all’interno della baia della California meridionale nell’Oceano Pacifico, e li, proprio nei pressi delle zone di addestramento militare della prima flotta del mondo, si sono ripetutamente verificati incontri inspiegabili. Incontri, che addirittura il Pentagono degli Stati Uniti reputa inspiegabili. Una fotocopia storica degli eventi avvenuti nel caso Nimitz nel 2004, 2014 e 2015. Le prove documentali sono incontestabili e si rifanno a molteplici diari di bordo delle navi risalenti al 2019 che riportano addirittura l’avvistamento di strane luci in hovering sul ponte di atterraggio delle navi da guerra.

Questi sono alcuni esempi di avvenimenti di carattere ufologico che hanno interessato la flotta statunitense, e tutto questo clamore fra le fila delle forze armate portò alla creazione di numerosi documenti che risalirono la catena di comando. Quello che vi presento oggi è un documento in cui si determinano le 5 caratteristiche osservabili.

Le caratteristiche rilevate dalle forze armate per quanto riguarda quelli che no! non sono più “allucinazioni” o “visioni errate di venere” ma oggetti tecnologici avanzati.

Quello che vi presento oggi è un documento che è già comparso parecchie volte sul mio canale YouTube e il rapporto in questione venne fatto trapelare dallo storico giornalista investigativo George Knapp di Los Angeles prima che gli venisse data ridondanza mediatica attraverso la To The Stars Academy.

Il documento in questione fa notoriamente parte del programma AATIP del governo americano che con budget milionari ha studiato il fenomeno UFO per anni fino alla sua chiusura nel 2017.

Parliamo del sommario esecutivo inerente al caso Nimitz.

Durante il periodo fra i 10 e il 16 novembre 2004 il gruppo d’attacco della portaerei Nimitz stava operando al largo della costa occidentale degli Stati Uniti in preparazione per il loro dispiegamento nel Mar Arabico. La U.S Princeton in diverse occasioni ha rilevato più veicoli aerei anomali operanti nelle vicinanze del Carrier Strike Group e questo è uno dei record che venne prodotto da tali eventi.

  • Il veicolo aereo anomalo non era un aereo o un veicolo aereo attualmente nell’inventario degli Stati Uniti o di un’altra nazione straniera.
  • Il veicolo aereo anomalo ha mostrato caratteristiche avanzate di bassa osservabilità su più bande radar rendendo inefficaci le capacità di ingaggio basate sui radar degli Stati Uniti.
  • il veicolo aereo anomalo ha mostrato prestazioni aerodinamiche avanzate senza superfici di controllo visibili e senza mezzi visibili per generare portanza.
  • Il veicolo aereo anomalo ha mostrato capacità di propulsione avanzate dimostrando la capacità di rimanere fermo con poca o nessuna variazione di altitudine passando a velocità orizzontali e verticali maggiori di qualsiasi veicolo aereo noto con poca o nessuna firma variabile.
  • Il veicolo aereo anomalo probabilmente ha dimostrato la capacità di occultarsi o diventare invisibile all’occhio umano e all’osservazione umana.
  • Il veicolo aereo anomalo una capacità altamente avanzata di operare sott’acqua completamente non rilevabile dai nostri sensori più avanzati.

Queste sono le caratteristiche osservabili relative agli UFO triangolati e captati dalle forze armate USA. Dai sensori più avanzati del pianeta. Di seguito trovate il fascicolo scaricabile e la pagina Wikipedia che lo contiene.

Seguimi sui social per rimanere aggiornato.

Clicca su una stella per votare

Voto medio 5 / 5. Totale voti: 4

Nessun voto. Vota questo articolo.

Omega Click Newsletter

Omega Click

Iscriviti per ricevere le notifiche dei nuovi articoli direttamente nella tua casella di posta.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto