UFO Medusa – La parte nascosta del video è finalmente trapelata! Vengono da un’altra dimensione?

Omega Click 19/01/2024

C’è forse una correlazione tra il vero aspetto degli angeli biblici descritti nell’antico testamento e la strana forma degli ultimi avvistamenti UAP? Che cosa sta succedendo? E se attraverso i sensori più avanzati del pianeta avessi aperto uno spiraglio su alcuni fenomeni che sono li da sempre? Dopo il primo video di quello che è stato ribattezzato come “UFO Medusa” si vociferava che esistesse una continuazione di quel video mentre si vedeva l’oggetto che cambiava forma mentre transitava sopra al lago Habbaniyya in Iraq e finalmente, quel pezzo di video è stato divulgato. Nel mio nuovo video analizzo in profondità la natura di questi fenomeni e faccio un chiaro sul nuovo materiale UAP pubblicato. Guarda il nuovo video per tutti i dettagli del caso.

Clicca su una stella per votare

Voto medio 5 / 5. Totale voti: 5

Nessun voto. Vota questo articolo.

Omega Click Newsletter

Omega Click

Iscriviti per ricevere le notifiche dei nuovi articoli direttamente nella tua casella di posta.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Condividi

1 commento su “UFO Medusa – La parte nascosta del video è finalmente trapelata! Vengono da un’altra dimensione?”

  1. Video interessante, il fatto che si allontana dimostra, come già intuito, che si tratta di un oggetto, e non un errore della telecamera.
    Ribadisco quanto detto l’altra volta: almeno parte dei presunti cambi di temperatura sono in realtà da imputare a un riaggiustamento dei valori massimi e minimi. Ho scelto i due esempi a 22:06 e 22:35 del primo video che hai fatto perché sono quelli in cui l’effetto è più evidente, sarebbe utile esaminare e valutare se anche gli altri presunti cambi di temperatura sono imputabili a quest’effetto.
    Si può comunque escludere qualsiasi tipo di oggetto trasportato dal vento, dal momento che soffiava molto debole e perpendicolarmente al moto dell’oggetto.
    Concordo con uno dei commentatori sul video: questi oggetti non hanno bisogno di essere aerodinamici, perché è una qualità necessaria solamente se usi l’atmosfera come parte del sistema di volo. Tutto invece fa pensare, come puntualizzava giustamente Paul Hill nel suo “Unconventional Flying Objects”, dal movimento di questi oggetti, alla loro forma, alle loro capacità transmedium, che l’atmosfera per questi oggetti non sia più di un disturbo da affrontare, e non una risorsa da sfruttare per potersi muovere.
    Per quanto riguarda le spiegazioni metafisiche e parafisiche degli UFO, non mi hanno mai convinto per una serie di ragioni. La mia percezione è che siano oggetti e creature di origine fisica (e quantomeno sulla loro fisicità non credo ci sia ombra di dubbio) che hanno accesso a tecnologie scientificamente strabilianti, che potenzialmente fanno uso della bioenergia o almeno della conoscenza della stessa, ma comunque qualcosa di origine fisica. Come scriveva Paul Hill, “sono macchine eccellenti”.
    Dici il vero, comunque, per quanto riguarda il fatto che questi esseri potrebbero essere, invisibili, nella stessa stanza: la letteratura riporta svariati casi del genere. All’epoca Malanga, a seguito dell’analisi di alcune foto, ha anche suggerito un possibile sistema per contrastare il loro sistema d’invisibilità, di fatto “abbagliando” il bersaglio con luci intermittenti forte intensità: sospettava che il sistema di invisibilità, dovendo “abituarsi” alle nuove condizioni di luce (ovvero molti fotoni di luce visibile che impattano sul sistema a causa dei flash), avrebbe accumulato un minimo ritardo nel tornare alla condizione luminosa originaria, lasciando il bersaglio visibile per qualche istante mentre il sistema si riadattava. Usando forti luci intermittenti (se la teoria ha un minimo di valore) che lampeggiano a un ritmo molto rapido si potrebbe di fatto ottenere un sistema anti-invisibilità in tempo reale, almeno per i bersagli vicini, anche se i movimenti del bersaglio risulterebbero “scattosi” in base alla frequenza dei flash.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto